• Si tratta di un elemento che non va improvvisato: bisogna effettuare test poco invasivi per quantificare il reale valore della velocità di gara e inserire delle variazioni di ritmo che ci permettano di sostenere l’intensità della prova continuativamente fra le tre discipline