• Grande successo in rosa: quasi un centinaio di persone all’incontro "Lo sport come terapia", promosso da Woman Triathlon Italia e Commissione Donne FiTri

  • "Record dell'ora", Angelica Olmo spacca il secondo a Mooloolaba: con un tempo di 1:00:00 è di bronzo in Australia, al suo primo podio in World Cup

  • "Appuntamento con il nuoto" è un evento gratuito Triathlete Finish LineVi aspettiamo venerdì 2 dicembre alle ore 19.00 presso la sede della nostra redazione, in Via Masaccio 12, a Milano. Preziosi consigli da Luca Matia Gozzi - Head Coach Top Training Centre - allenatore di nuoto nonché istruttore di triathlon e preparatore atletico. Il seminario, completamente gratuito e aperto a tutti, tratterà il seguente argomento: "Metodologia dell'allenamento del nuoto nel triathlon moderno - aspetti generali".

    Primo di una serie di eventi e collaborazioni Triathlete Finish Line, "Appuntamento con il nuoto" si inserisce in un programma indirizzato a promuovere, attraverso l'esercizio sportivo, il benessere psicofisico e una migliore qualità della vita. Non vi vogliamo necessariamente vincitori: ci piacerebbe "semplicemente accompagnarvi" al prossimo traguardo, soddisfatti per aver affrontato al meglio le vostre sfide personali.

    Photo Credit

  • Aquaticrunner 2017, una sfida nella sfida per gli amanti dell'universo swirun: oro a Guadagni e Cappellini. E c'era perfino Faris Al-Sultan
    Quarta edizione per Aquaticrunner, gara tutta italiana - la prima del panorama internazionale in acque temperate - che è stata antesignana di un nuovo modo di pensare lo swimrun: transizioni di nuoto con le scarpe e corsa off road non più in coppia, come accade nel nord Europa, ma da portare a termine singolarmente. 19 le fasi nuoto-corsa previste, con cinque chilometri in acqua e 25 sulla terraferma, pronti a collegare Grado a Lignano. Impegnativo il percorso della prova nell'Alto Adriatico, con l'aggiunta, rispetto all'edizione 2016, di un chilometro di nuoto, di una parte di tracciato da correre tra le dune della pineta di Lignano e di forti correnti che hanno tempestato la parte conclusiva della prova. Agguerrita la concorrenza, per la presenza, tra gli altri, del mitico Faris Al-Sultan, Campione del Mondo Ironman 2005. 170 gli atleti partenti dei 200 ammessi per curriculum sportivo o perché vincitori delle qualificazioni italiane o internazionali, provenienti da 12 nazioni, tra cui Canada e Giappone. Ben dieci, vista la difficoltà della prova, sono stati quelli poi sospesi per non aver raggiunto i checkpoint previsti entro i tempi massimi. E se in principio è stato testa a testa proprio tra Faris Al-Sultan e il due volte vincitore e Campione Italiano Francesco Cauz, il primo al traguardo è stato Massimo Guadagni (secondo al Campionato del Mondo di Triathlon Lungo ed ex nazionale di triathlon), nuovo Campione Italiano Swimrun (3:17:13). Faris Al-Sultan è secondo assoluto (3:19:45) nonché primo straniero, mentre Francesco Cauz è Bronzo (3:25:21). 

    AR 2017 08 27 10 31 19

    Tra le donne domina Adelaide Cappellini, prima assoluta (4:01:54), ma già terza e seconda nelle passate edizione. Francesca Capitoli è Argento (4:03:15); chiude il podio Vania Mascania (4:23:48).

    AR 2017 08 27 11 04 45

    Già individuata la data della quinta edizione, data che cambia ogni anno per la necessità organizzativa di un attento studio delle maree che scongiuri correnti troppo forti: appuntamento per domenica 16 settembre 2018. Lo CSEN, l'ente patrocinante la manifestazione, assieme a Matteo Benedetti, l'ideatore della gara, promettono ancora una volta interessanti novità per rendere Aquaticrunner un'avventura senza precedenti. Mai uguale a se stessa. Diversa da tutte le altre.

    03

    RISULTATI 

    Photo Credit: ©Daniel Miot e ©Tiziano Faggiani

  • Acque calde, format individuale, numero chiuso e ospiti prestigiosi: dalle 10.00 di oggi, iscrizioni aperte per Aquaticrunner, la gara più unica dell'intero panorama Swimrun mondiale, quest'anno non solo Campionato Italiano CSEN, ma anche Mondiale

  • La triplice in questi ultimi anni si sta sviluppando a macchia d’olio: molti atleti di altri sport - nuoto, ciclismo, corsa, fitness - si stanno avvicinando a questo mondo multidisciplinare.
    I motivi di quest’aumento possono essere tecnici/medici/motivazionali:

    • meno infortuni;
    • miglior recupero muscolare e nervoso;
    • maggiore motivazione;
    • meno monotonia negli allenamenti;
    • migliori prestazioni nelle gare di corsa (per chi viene dal running);
    • fisico più armonico e completo.

    L’atleta che si avvicina a questo sport multidisciplinare deve fare i conti non solo con la propria attività principale (nuoto, ciclismo o corsa), ma anche e, soprattutto, con le altre due attività e mixarle nel modo migliore durante la preparazione atletica. L’essere stati dei buoni atleti nella propria disciplina è sicuramente un vantaggio, ma da che livello partite quanto alle altre due? Chiunque si avvicini al triathlon avrà dei punti di forza e dei punti deboli su cui lavorare e allenarsi con maggior frequenza e dedizione. Gli ex nuotatori, stanchi dei tanti chilometri percorsi in piscina, si immergono in questa disciplina per nuove motivazioni, ma dovranno concentrarsi molto sulla frazione ciclistica con tante ore da dedicare alla bici e alla corsa, che inizialmente gli creeranno notevoli disagi dal punto di vista muscolare e mentale.
    Stessa cosa vale anche per ciclisti e podisti: a prescindere dal punto di partenza di ognuno di loro, quindi, l’obiettivo per tutti gli aspiranti triatleti è quello di “equilibrare” le carenze e valorizzare le forze delle singole discipline, per fare di un nuotatore, di un ciclista, di un podista, un Tri-Atleta!
    Chi viene dalla singola disciplina spesso è abituato al fai-da-te, ma in questo caso meglio farvi seguire da chi può darvi utili consigli, come il Team RunningZen, i cui annuali percorsi del Progetto Neofiti portano ogni nuova edizione dell'Ironman 70.3 Italy Pescara tanti triathleti al traguardo. L'inizio del prossimo Progetto Neofiti IronMan 70.3 è previsto a Pescara con uno Stage Triathlon dal 6 (venerdì) all'8 (domenica) ottobre con la prima scadenza di una promo iscrizione prevista per il 31 Luglio.

    Per prenotazioni e informazioni dettagliate contattare:
    Prof: Ignazio Antonacci
    www.runningzen.net
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    info 338 – 9803260

  • Challenge Roma, la prova di triathlon sprint va a Diego Luca Boraschi e Michela Santini. Maurizio Romeo con la guida Ennio Salerno vincono il Paratriathlonassieme a Veronica Plebani

  • Il Long Course Weekend, più semplice chiamarlo LCW, è una manifestazione che ha come obiettivo quello di mettere sul campo e far gareggiare in tre giornatedistinte gli appassionati di nuoto, ciclismo e corsa, e ovviamente del triathlon. Tre giornate di gare divise per specialità. Il venerdì si nuota, il sabato si pedala e la domenica si corre sulle più classiche distanze del triathlon (sprint, olimpico, medio e lungo). Questa inedita formula nata in Galles sei anni fa permette di combinare tra loro le diverse distanze offrendo così di gareggiare in un triathlon fatto a propria dimensione. A chi percorre tutte le distanze previste per quella più lunga (3,800/180/42,125) viene assegnata una speciale medaglia. Quest’anno il Long Course Weekend ha varcato i confini gallesi approdando in Australia e in Spagna con le seguenti date:
    7/9 luglio a Tenby (Galles)
    27/29 ottobre a Jervis Bay (Australia)
    3/5 novembre a Mallorca (Spagna)

  • Prima gara di WTS per gli azzurri del triathlon: ad Abu Dhabi, Alessandro Fabian chiude 18° con Matthias Steinwandter 39°, Annamaria Mazzetti 31^ con Ilaria Zane 33^. La vittoria va ad Henri Schoeman e Rachel Klamer

  • È il Campionato italiano OCR, il primo circuito nazionale di corse a ostacoli a livello mondiale, l’altra gara di questo mese

  • Nuove gare, conferme storiche e tante novità nel nostro triplice mondo, come riporta Marco Sbernadori nel suo Stop and Go

  • Straordinaria storia raccontata nell’omonimo docu-film di Riccardo Barlaam, che tratta della storia di sette ragazzi straordinari che, con dedizione e determinazione, si sono qualificati e hanno ottenuto medaglie alle Paralimpiadi di nuoto a Rio 2016. And now? Waiting for Tokyo 2020.

    Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Ecco per voi il generoso blocco dell’allenamento, coi nostri tecnici a dispensare tutta una serie di consigli utili per i prossimi mesi invernali e con l’occhio attento alla nuova stagione

  • Alessandro Fabian insieme a SiS - Science in Sport: l'azzurro del triathlon e l'azienda leader nella produzione di integratori faranno coppia fissa fino ai Giochi di Tokyo 2020

  • Per nuotare forte non basta la volontà, bisogna fare una programmazione lunga e mirata, a cominciare dalla stagione invernale. Una caratteristica fondamentale anche dei triatleti amatori è quella di disporre di una tabella degli allenamenti a lungo termine. La metodologia utilizzata per sviluppare una pianificazione stagionale di solito comprende una delle tre metodiche esistenti: allenamento a sensazione, allenamento misto e, infine, la periodizzazione.

  • L'uragano Luca Dotto superstar a Pescara: da poco laureatosi Campione Europeo dei 100 stile libero, l'azzurro del nuoto sulle brevi distanze ha firmato autografi per piccoli e grandi triatleti del The Hurricane Team