• "Record dell'ora", Angelica Olmo spacca il secondo a Mooloolaba: con un tempo di 1:00:00 è di bronzo in Australia, al suo primo podio in World Cup

  • Alessandro Fabian firma con grinta il podio di Coppa del Mondo in Repubblica Ceca: è secondo a Karlovy Vary
    2017 Karlovy Vary ITU Triathlon World Cup: otto gli azzurri in gara nella tappa di World Cup di Triathlon su distanza olimpica per un test della sessione estiva di training in altura. Assieme ad Alessandro Fabian, rientrato a livello individuale nelle gare di circuito ITU - dopo la partecipazione in questa stagione nella rassegna iridata della Mixed Relay ad Amburgo - anche Massimo De Ponti con Matthias Steinwandter, Gregory Barnaby con Luca Facchinetti e Delian Stateff, recente medaglia di bronzo europea Mixed RelayU23; alla prova femminile hanno partecipato Giorgia Priarone, che ritorna in una gara di Coppa Mondo dopo l’ultimo 4° piazzamento a Tiszaujvaros, ed Alessia Orla.
    Dopo l'Argento ad Alanya del 2014, Alessandro Fabian torna sul podio in Coppa del Mondo e lo fa a Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, sulla distanza olimpica, alle spalle del solo norvegese Gustav Iden e subito davanti al neozelandese Tayler Reid. Dopo la chiusura del quadriennio olimpico, il successivo periodo di allenamenti è stato intenso e a Karlovy Fabian dà grandi dimostrazioni di forma con un nuoto controllato, ma veloce: la prova parte subito a ritmi serratissimi sotto l'impulso dello slovacco Richard Varga, ma Fabian si mantiente nelle posizione di testa. Folli i ritmi della frazione in sella, mentre la situazione si delinea con un gruppetto di cinque fuggitivi: Fabian, il tedesco Schomburg, lo slovacco Varga, il giapponese Furuya e il neozelandese Reid, che guadagnano preziosi secondi sugli inseguitori per tutti i 40 chilometri. Abbastanza provato all'arrivo in T2, ma ancora leggero sulle gambe, Alessandro ci crede ancora: sceglie le parti più dure e selettive del tracciato per sferrare il colpo decisivo, mentre dietro gli avversari cedono uno ad uno, tutti tranne il norvegese Gustav Iden, capace di rimontare dal secondo gruppo sino alla testa della corsa e al suo primo oro in World Cup (01:49:06). Alessandro Fabian, dopo oltre metà stagione lontano dai campi gara di World Series e World Cup, difende con tenacia il piazzamento e strappa l'Argento in 01:49:39; Bronzo per il neozelandese Tayler Reid (01:50:22). Ottimo risultato anche per Massimo De Ponti, nelle posizioni buone della gara per le prime due frazioni e poi risalito sino alla nona (01:51:00) grazie a una strepitosa frazione podistica (00:32:29, quarto tempo assoluto); peccato una penalità da 10''. Matthias Steinwandter, malgrado una frazione di nuoto penalizzante, risale fino alla 15^ posizione (01:51:36). Gregory Barnaby chiude al 19° posto (01:51:57), bene in sella ma senza riuscire ad agganciarsi al treno dei norvegesi per una svolta della propria prestazione. Luca Facchinetti, ancora alle prese con un fastidio al piede che ha disturbato la sua corsa, è 26° (01:52:52). Ritirato Delian Stateff per un problema respiratorio al diaframma, ma è pronto per rimettersi in pista alla volta della Grand Final di Rotterdam.

    170903 karlovy vary web msj 077

    In campo femminile, trionfo dell'australiana Gillian Backhouse (02:03:29), che precede la padrona di casa, la ceca Vendula Frintova (02:04:31), e la statunitense Summer Cook (02:04:56), recente vincitrice della World Cup in Yucatan. Alessia Orla, autrice di due solide frazioni a nuoto (quinta fuori dall'acqua) e sulle due ruote, ha pagato nella corsa, chiudendo in 14^ posizione (02:07:05). 15^ (02:07:39) invece Giorgia Priarone: uscita attardata dal nuoto, non è riuscita a compiere la consueta rimonta nel finale rimanendo tagliata fuori dalla gara.

    170903 karlovy vary web msj 042

    RISULTATI

    Photo Credit: ITU Media - Janos Schmidt

  • 2017 Sharm El Sheikh ATU Sprint Triathlon African Cup e Pan Arab Championships, il Mar Rosso si tinge d'azzurro con Priarone, Olmo, Steinwandter & Co.
    Successo azzurro sul Mar Rosso con una doppietta argento e bronzo femminile e un terzo posto maschile alla gara internazionale ITU di Coppa d'Africa e Campionati Arabi su distanza sprint a Sharm El Sheikh (Egitto). Giorgia Priarone è seconda (01:08:36) dietro alla russa Elena Danilova, oro in 01:08:21. Chiude il podio elite Angelica Olmo con un tempo di 01:09:11. Giulia Sforza è 6^ assoluta (01:11:20). Matthias Steinwandter vince il bronzo in 01:01:37 nella prova dominata dal russo Vladimir Turbayevskiy (01:01:26), con l'ungherese Laszlo Tarnai (01:01:30) a precederlo. Top ten per gli altri azzurri presenti: 6° posto per Riccardo Mosso (01:02:13) e 7° per Massimo De Ponti (01:02:19). Nicola Azzano e Marco Corrà si sono classificati rispettivamente 12esimo (01:02:50) e 16esimo (01:03:25).

    RISULTATI

  • Verena Steinhauser 5^ e Massimo De Ponti 6° in Coppa del Mondo nella prova a Tongyeong, Sud Corea, vinta dal francese Aurelien Raphael e dalla statunitense Summer Cook. Angelica Olmo 11^ e Gregory Barnaby 16°, a seguire tutti i piazzamenti degli italiani

  • Il triathlon italiano del 2018 forse sarà rosa. Il merito, tanto per essere ton sur ton, sarà delle nostre donne con Alice Betto in primis che, elegante e felice, ha ricevuto il premio Gianni Brera

  • Campionato Italiano Duathlon Sprint Individuale a Riccione: il Titolo Assoluto è per Sara Dossena e Massimo De Ponti, mentre Nicola Azzano e Verena Steinhauser sono i Campioni Under23.

    Tricolori Duathlon Sprint Individuale Assoluto e Under23 a Riccione, gara Rank Gold del Circuito Nazionale Duathlon che si concluderà il prossimo 23 aprile a Sapri e dedicata a Youth B, Juniores, Senior e Master. 596 gli iscritti tra Assoluto e prova di circuito, con 137 Under23: a dominare le classifiche ci sono Sara Dossena e Massimo De Ponti, che vincono il Tricolore Assoluto mentre Nicola Azzano e Verena Steinhausersono i Campioni Under23.
    Gara Femminile: dopo i primi 5000 metri di corsa Sara Dossena e Giorgia Priarone hanno venti secondi di vantaggio su Annamaria Mazzetti e al primo giro in bici le due, sempre più in fuga, guadagno fino a 50 secondi rispetto al gruppetto di 5 elementi che le insegue. Di ritorno dalla bici la terza frazione non porta sconvolgimenti di classifica, che sul finale si chiude ufficialmente con Sara Dossena al primo posto (1:01:49), con Giorgia Priarone argento a +00:38 (1:02:28) e Annamaria Mazzetti bronzo, che non riesce a recuperare lo 01:35 di distacco (1:03:25). Titolo Under23 a Verena Steinhauser (01:03.40) su Sara Papais(01:03:48) e Federica Parodi (01:05:14).
    Gara maschile: prima frazione run dei 5.000 su unico giro con tutti i migliori davanti e Andrea Secchiero che prova a scappare via gli ultimi metri ma viene raggiunto immediatamente. Con la frazione da 20 chilometri in bici su due giri da 10 l'esperto Massimo Cigana è artefice di un sapiente recupero, rientrando dal secondo gruppo e mettendo in riga tutti i fuggitivi. Un ultimo giro da 2,5 chilometri run per riassestare le fila ed è Massimo De Ponti ad arrivare primo al traguardo (00:56:13), con Daniel Hofer a un soffio (00:56:19) e Dario Chitti poco più staccato (00:56:39). Nicola Azzano è Campione Italiano Under23 in 00:57:01, con Alessio Fioravanti a seguirlo in 00:57:15 e Marcello Ugazio a chiudere il podio in 00:57:30. 
    A domani con le prove del Campionato Italiano Duathlon a Staffette e della Coppa Crono.

    RISULTATI

  • World Cup New Plymouth, dominio dell'australiano Declan Wilson e della statunitense Kirsten Kasper. Un nuovo tassello per la stagione di Angelica Olmo, che chiude 7^. Prima top ten per Gregory Barnaby