• KUOTA - #Kougar è un modello di forte impatto emotivo e tecnico.
    È una bicicletta innovativa che offre elevate prestazioni per la sua aerodinamicità senza compromettere le caratteristiche funzionali di una bici tradizionale.
    Guarda il video per saperne di più!

  • Un nuovo nome importante nella rosa delle eccellenze accanto a Kuota: a scegliere il brand che ha scritto la storia del triathlon italiano e internazionale insieme ad atleti come Norman Stadler e Daniel Fontana, c'è ora anche Andrea Gabba

  • L’ultimo numero di Triathlete è in edicola: le migliori novità dal mondo del triathlon non viaggiano solo nel web ma anche sulla carta... 

    È quella dell’inglese Tom Bishop la foto di copertina del mese di Aprile, da oggi in edicola. L’atleta della Kuota ad Abu Dhabi è arrivato secondo, aprendo in grande stile la stagione della WTS 2017. Davanti al britannico solo Javier Gomez. Ne avevamo parlato qui, in occasione del rientro ufficiale dello spagnolo alle gare dopo la mancata partecipazione olimpica a causa di uno sfortunato incidente. Ma a proposito di ritorni, Abu Dhabi ha sancito anche quello, attesissimo, della nostra Alice Betto. Entusiasmante, scenografica, divertente non senza qualche risvolto da cardiopalma: la stagione del triathlon mondiale va letta e rivista ed è perciò che da quest'anno sul nostro sito troverete anche gli highlights dei video ITU. Ma prima ancora delle novità del web, parliamo di quelle su carta: questo di aprile è il nostro numero 234, come sempre interessante per la qualità dei suoi tanti argomenti e che propone tra gli altri un articolo di Elena Casiraghi sui “Cibi Allenanti”. Ma non solo: nella sezione Anteprima del nostro sito trovate il sommario completo alla voce "Tutto quello che... ad Aprile".
    Buona lettura e buona primavera a tutti!

  • L'atleta Kuota Marta Bernardi svela in anticipo il segreto della sua prossima performance al Challenge Rimini: un'integrazione energetica naturale e biologica come solo i prodotti Agisko sanno offrire.
    #BeStrong, #GoFast, #StayNatural: la filosofia del marchio di Natural Sport Food Agisko è riassunta nei tre hashtag istituzionali. Presente al Challenge Rimini, Agisko anticipa preziosi suggerimenti sulla migliore nutrition strategy da seguire durante la gara del weekend in arrivo. La prima frazione è importante e per ottimizzare la performance arrivando al primo cambio ancora carichi di energie è consigliato assumere un Agisko Energy Gel 10-15 minuti prima della gara. La frazione in sella lungo i 93 chilometri previsti dal percorso va studiata a tavolino per evitare di esaurire le scorte energetiche in vista della parte conclusiva a piedi: per fare il miglior carico di energia, assumere un gel Agisko o un'Agisko Natural Bar dopo i primi 10-12 chilometri, ripetendo l'integrazione a scelta ai 40K, con un altro gel ai 65K e l'ultimo agli 85K. Ma non finisce qui: per una corsa brillante e ancora la forza di sprintare al traguardo e sorridere, Agisko consiglia l'assunzione di un gel ogni 50-60 minuti, da implementare con regolarità con gli Agisko Drink presenti ai ristori per la migliore idratazione possibile. Reduce dalla recente vittoria al Triathlon Sprint Città di Livorno, Marta Bernardi è pronta ad alimentare i propri sogni di gloria con la formula naturale di Agisko. #FeedYourDreams, #BioIsBetter!

  • Ecco un breve elenco delle caratteristiche fondamentali di queste due biciclette firmate KuotaCycle:

    KT05 2016: Design minimal e fluido per la KT05, un progetto tecnologico all'avanguardia, in fibra di carbonio, con un sistema di laminazione innovativo, telaio, forcella, manubrio e sistema frenante integrato in un unico alloggiamento per garantire al massimo prestazioni aerodinamiche, pur mantenendo una grande rigidità.Dopo una lunga ricerca del nostro reparto di ricerca e sviluppo, siamo lieti di presentare il nuovo manubrio, studiato in ogni dettaglio per offrire una guida ideale integrando tutti i componenti possibili. Il risultato è estremamente accattivante e funzionale poiché la bar può essere regolata fino a 9 cm di altezza.
    KT05 viene utilizzata da diversi campioni di triathlon come Andi Boecherer, Daniel Fontana e Matteo Fontana

    KALIBUR: Dopo un lungo periodo di ricerca, sviluppo e test condotto da atleti di triathlon e ciclisti del team di professionisti Androni, la nuova Kalibur è stata lanciata con importanti innovazioni, alcune delle quali catturano immediatamente l'occhio mentre altre, meno visibili, saranno mostrate nel video.Le modifiche più evidenti sono state ottenute posizionando i freni e la staffa inferiore in un alloggiamento monoscocca. Lo stelo integrato garantisce aerodinamicità e un aspetto pulito completato dal morsetto integrato del sedile per la sella aero 2way con possibilità di inclinazione da 74 a 80 °. Tra i particolari tecnici meno visibili troviamo la staffa di fondo che è stata ridisegnata per ospitare la staffa di base BB386 che caratterizza l'intera gamma Kuotacycle. Anche Kalibur monta Di2 Ready.

  • Da KuotaCycle, l'ultimo modello anche per il triathlon: la KT03 2017, presentata nel test bici della redazione di Triathlete, con il commento di Matteo Fontana.

    Tutto il meglio del ciclismo: un mezzo multifunzionale da crono o da strada, appena rinnovato, con nuove soluzioni tecniche come i freni aero, il posteriore sotto la scatola del movimento, l'anteriore sul retro della forcella. Versatilità dalle altezze del tubo sterzo e dagli angoli del tubo piantone, per garantire posizioni perfette sia in gare a cronometro che in quelle di triathlon olimpico. Profili aerodinamici e grafiche accattivanti, e chiusura reggisella a scomparsa, per una bicicletta con un rapporto qualità-prezzo e performance mai viste prima.

  • Ave Roma, Kuota te salutat! Partner imperiale del Triathlon Challenge Roma 753, Kuota focalizza sull'evento della capitale i suoi nuovi sogni di gloria.
    KuotaCycle sarà partner tecnico ufficiale del Triathlon Challenge Roma 753 del prossimo 22 e 23 luglio nella Città Eterna. L’evento prevede due prove: una il sabato, sulla distanza sprint, (750 metri a nuoto, 20 chilometri di ciclismo e 5 di corsa) e l'altra il giorno seguente, sulla distanza atipica di 1,753 chilometri a nuoto, 75,310 in bici e 17,530 a piedi. Kuota, che da quest’anno ha stretto un importante accordo con il Team Forhans, aspetta tutti - atleti e appassionati - presso il proprio stand situato nella zona di partenza al Laghetto dell’Eur. Nell’area espositiva, attiva già dal venerdì, saranno allestiti tre gazebi dell’officina mobile. Per i partecipanti la possibilità di avere un consulto tecnico o un aiuto in caso di problemi meccanici di qualunque tipo: un supporto di qualità per un marchio che da sempre produce biciclette per i triatleti più esigenti. Una piacevole novità: per i partecipanti in sella a specialissime a marchio Kuota, l’estrazione a sorteggio di un telaio in carbonio. In occasione dell’appuntamento di Roma sarà inoltre possibile scoprire nel dettaglio alcuni prodotti della nuova gamma 2018 legati al mondo del triathlon, come KTzero5 (usato da Domenico Passuello e Daniel Fontana) e Kryon.

  • A chiusura di questo 2018 arriva una grande novità in casa Kuota con il lancio della nuova versione della Kougar, la specialissima dedicata agli amanti di un ciclismo fatto di performance, agonismo e grande versatilità

  • L'annuncio è di una nuova Kuota rosa: ufficiale la parnership tra l'azzurra toscana Marta Bernardi e l'azienda italiana da sempre dedita all'universo del triathlon
    Giovane - 27 anni - e talentuosa - da soli 2 si dedica al triathlon -, la Bernardi nella prossima stagione 2017 sfreccerà sulla sua nuova bici Kuota aero da strada, la Kougar, e su quella per i long distance, la Kalibur.
    Prima di una serie di altre news a far brillare l'orizzonte 2017, questa dell'incontro tra KuotaCycle e la triathleta delle lunghe distanze è di quelle che promette bene. Kuota ha messo a disposizione della Bernardi uno staff d'eccellenza dalle mille attenzioni, comprese quelle per uno scrupoloso posizionamento bioeccanico, curato da Matteo Fontana.
    Ambiziosa, l'azzurra che è in procinto di partire per un training camp a Lanzarote, vuole dare il meglio di sé: in calendario il Challenge Rimini, il Campionato Italiano, il 70.3 di St. Pölten, prima dell'esordio sulla distanza full con l'IRONMAN di Cervia, con un sogno nel cassetto chiamato "Kona". Il suo curriculum parla chiaro: nel 2016 ha partecipato a 14 gare, vincendone quattro, ma il suo miglior risultato di stagione è sicuramente stato il quarto posto nel medio del Challenge Forte Village Sardinia, dove ha stabilito il secondo tempo di giornata nella frazione di corsa, battendo atlete di buon valore internazionale. 
    Kuota, dunque, ha scelto bene. E con la Bernardi il futuro è sempre più roseo!

  • Provate per voi

    Questo mese, ecco le novità in casa KuotaCycle e Olmo Biciclette, due fuoriclasse per il triathlon da non perdere che sicuramente miglioreranno le vostre performance.

    Scopri di più sul numero di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Con il 2017 la Kuota di volo si alza ancora: astronomico l'anno che verrà per Kuotacycle! Triathlon e non solo, tante saranno le novità: l'ambizioso progetto per la stagione 2017 del marchio brianzolo con sede a Villasanta di Monza tocca più punti, tutti di altissimo rilievo, tra investimenti internazionali e importanti operazioni di marketing e comunicazione anche in Italia.
    Attraverso la partnership con il Forhans Team Triathlon di Roma, squadra competitiva di ottimo livello sul fronte gare e organizzazione eventi, saranno Domenico Passuello, Erika Csomor, Alessio Rispoli, Maria Grazia Bianchi, Silvia Colussi e Andrea Recagno i portabandiera Kuota ai traguardi della nuova stagione. Ma l'impegno Kuota sarà protagonista anche di importanti appuntamenti come il Roma TriEvents, triathlon internazionale no draft in programma il 22 e il 23 luglio, e delle sei tappe della Forhans Cup. 
    E ancora in ambito manifestazioni, il 16 e il 17 settembre si andrà in scena con il Kuota TriO Peschiera: nel nome una garanzia, per uno Sprint e un Olimpico da ricordare tra quelli del circuito Garmin. 
    Ancora una volta in prima linea Daniel Fontana, unico italiano fino a oggi ad aver vinto due IRONMAN, che dopo l'oro nella gara di Taiwan assume una posizione ancora più strategica del semplice testimonial. Assieme a lui, Marta Bernardi, che con Kuota traccia la via per le long distance, e un altro lunghista, Johnathan Ciavatella, che quest'anno ad aprile esordirà a Liuzhou, in Asia.
    Ma il supporto di Kuota andrà come sempre anche ai dealers con i test bike on demand e la nuova formula Just in Time, attraverso cui i rivenditori riceveranno i modelli Kobal e Kryon entro 48 ore dall’ordine.
    Tra professionismo e professionalità, un occhio di riguardo anche alla sfera amatoriale con i Team Trapletti-Kuota e Marville-Kuota impegnati nelle gran fondo e che parteciperemo al Trofeo Coppa Lombardia composto da 12 prove tra cui Laigueglia, Alassio, Gf Torino, Aprica e la nuova GF Don Guanella a Lecco. Tanti gli appuntamenti tra le varie corse in linea, regionali e nazionali. E, a proposito, si conferma anche l'evento Gran Fondo Casartelli, che presto svelerà importanti novità, oltre che il supporto ai Team giovanili.

    www.kuotacycle.it/
    www.facebook.com/kuotacycle/
    www.twitter.com/KuotaCycle

    Nella foto, da sinistra: Maurizio Canzi, Domenico Passuello, Pietro Illarietti

  • Una leggerissima d'argento: Kuota Kougar sfreccia in Coppa del Mondo di Triathlon con la britannica Learmonth, seconda alla 2017 Cape Town World Cup.
    Kuota Cycle al servizio dell'elite mondiale con un esemplare Kougar arrivato secondo nella prima prova di Coppa del Mondo ITU a Città del Capo, in Sud Africa: in sella c'era la britannica Jessica Learmonth, argento nello sprint di questa prima tappa mondiale in 00:59:35, con parziali di 00:09:07, 00:00:39, 00:32:04, 00:00:24, 00:17:23. Davanti a lei di un secondo al fotofinish la compagna di allenamenti Lucy Hall (00:59:34), terza la giapponese Ai Ueda (1:00:04). 

    Video 

    RISULTATI

    Photo Credit: International Triathlon Union / Greg Beadle