• "Stiamo arrivando", in un video in esclusiva dalla Sardegna, Mario Cipollini ce l'aveva promesso: Kona sarebbe stata il prossimo obiettivo. Ed eccola là, all'orizzonte della prossima stagione agonistica, nel mirino dello statunitense Matt Chrabot, nuovo testimonial PPRTeam, la squadra torinese del manager Gianfranco Mione, grande uomo di triathlon dal vulcanico spirito imprenditoriale

  • Anche questo è un numero doppio, dato il pieno inverno nel quale ci troviamo e con la stagione agonistica non ancora iniziata, ma è già ora di prepararsi, di tenere “caldi i motori”, pronti per la nuova stagione che presto si affaccerà.

  • Eccoci qui con il primo numero del nuovo anno con la superclassifica, la ormai nota Finish Line con tutti i nomi degli italiani che hanno traguardato la linea dell’arrivo di una gara 70.3 logata Ironman

  • Anche questo numero, come quello di gennaio-febbraio, ha nella sua parte centrale la maxiclassifica, ma questa volta è quella degli “uomini d’acciaio”, degli Ironman, degli “eroi moderni” che nell’anno passato (quello solare, che va da Kona a Kona) hanno concluso almeno una o più gare Long Distance con il marchio dalla M pallinata

  • Progetto Neofiti Ironman 70.3 Italy e Ironman Italy, con RunningZen e Triathlete il fisico si fa bestiale. E vogliamo parlare del body?

  • Non solo IRONMAN 70.3 Italy Pescara, ma come obiettivo del Progetto Neofiti c’è anche la Finish Line dell'IRONMAN Italy Emilia-Romagna a Cervia, il primo full distance su territorio nazionale targato Ironman
    Da esordienti a veri triatleti: che fare per costruire una buona base aerobica, tecnica e di forza?

    - Fare una valutazione funzionale nelle tre discipline attraverso dei test;
    - stesura personalizzata di un programma di allenamento;
    - imparare a gestire gli allenamenti.

    Chi lo desidera potrà partecipare a uno stage di triathlon dal 23 al 25 febbraio. Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

    Scopri di più sul numero di gennaio-febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Un approfondimento dedicato al picco della preparazione per l’Ironman Italy: un periodo di quattro settimane da inserire in tabella prima della fase finale della programmazione e caratterizzato dal carico di lavoro più alto. I consigli di Andrea Gabba sul nuovo Triathlete

  • Selle Italia diventa “Official Bicycle Saddle” e “Supplier Partner” di IRONMAN Global Series: già partner di IRONMAN European Series negli ultimi due anni, un nuovo accordo prevede per l’azienda di Asolo anche la produzione e la vendita di una sella da triathlon Watt Special Edition

    Ad annunciarlo è con orgoglio Selle Italia: estesi gli accordi con IRONMAN e, da partner del Circuito Europeo nel 2019 e nel 2020, quest’anno il brand italiano è “Official Bicycle Saddle” e “Supplier Partner” di IRONMAN Global Series. E, per una ventata di digitale, Selle Italia diventa anche "Official Platform Partner" di IRONMAN Virtual Club, attraverso un accordo che prevede anche la produzione e la vendita di una sella da triathlon Watt personalizzata con il prestigioso logo IRONMAN, che sarà disponibile sui canali online e nell’IRONMAN Merchandising Store ufficiale agli eventi di triathlon marchiati con l’omino rosso. La storica partnership vedrà i prodotti Selle Italia esposti in tutto il mondo e disponibili per gli oltre 250.000 atleti IRONMAN® e IRONMAN® 70.3® che gareggiano in media ogni anno.

  • Selle Italia, da oltre 120 anni brand di riferimento per il ciclismo e per lo sport, sarà sponsor del tedesco Patrick Lange, recordman degli Ironman (sotto le otto ore nella durissima prova del mondiale hawaiano)

  • So proud of You! Well done, Giulio! Prima vittoria nel circuito IRONMAN per Giulio Molinari, magnifico Oro nella terza edizione dell'IRONMAN 70.3 Staffordshire.
    Calda la giornata, bollente l'andamento gara con una prova maschile concitata fin dalle prime battute, con il britannico Elliot Smales che esce primo dall'acqua, seguito a strettissimo giro da altri cinque uomini pronti a darsi battaglia in sella nel gruppo dei battistrada che poi racchiude al suo interno i britannici Harry Wiltshire e Frase Cartmell, il nostro Molinari e il francese Romain Guillaume. Più di qualche scambio tra gli scalpitanti Wiltshire e Guillaume, ma al 70° chilometro il britannico Philip Graves prende la testa della gara per entrare per primo in T2, con Molinari alle proprie spalle e Guillaume al terzo posto. Con l'incedere di Molinari e Guillaume a forte ritmo, Graves perde posizioni e si assesta al 3° posto mentre un Elliot Smales prima in 6° posizione, ora risale pericolosamente la classifica. Per il resto, là davanti, ormai è una storia da scrivere solo tra Molinari e Guillaume: a meno di cinque chilometri dall'arrivo il francese ha un unico secondo di svantaggio su Giulio, che però non perde il focus sull'obiettivo vittoria ma, anzi, incrementa il distacco per tagliare per primo il traguardo in 04:01:10, quasi due minuti davanti al francese Romain Guillaume (04:03:01) e al britannico Elliot Smales (04:05:59). Ottima la strategia a piedi per un atleta che già intimidiva in sella e che ora pare più che mai completo e in ottima forma. Well done, Giulio!

    StaffordshireMolinari

    Primo italiano Age Group Lorenzo Picco (05:14:33), seguito da Nicola Carniato (05:18:30) e Marco Panero (05:24:41). Tripudio britannico sul podio femminile con la vincitrice di giornata, Lucy Gossage (04:28:09), seguita da Nikki Bartlett (04:33:12) e da Kimberley Morrison (04:40:14). Qui tutti i RISULTATI.

    Photos: Getty Images for IRONMAN

     

  • Torna come ogni anno ormai alla quarta edizione la prima delle nostre Finish Line. Ed è un bell’appuntamento, che elenca i 3.901 atleti e le 382 donne che nel 2017 hanno partecipato ad almeno un Ironman 70.3 o a una gara su distanza similare