• Un nuovo partner ufficiale per la fornitura di abbigliamento tecnico: IRONMAN sceglie Santini Cycling Wear per capi da ciclismo e triathlon a marchio congiunto, disponibili per gli eventi full distance e IRONMAN 70.3 di tutto il mondo e per il mercato online

  • Non sarà più un miraggio: chi non ha mai sognato un bel ristoro all'italiana durante la fatica (la fame e la sete) di un IRONMAN? Eccovi accontentati: ufficializzata la nuova partnership tra Enervit e IRONMAN Europa, Medio Oriente e Africa

  • Integrazione estera per Enervit, che si consolida a livello internazionale e nomina due distributori per Germania e UK. Il marchio italiano sarà presente a Eurobike insieme al campione e ambassador Miguel Indurain

  • IRONMAN FLORIDA, Panama City Beach: mentre lo stato della Florida si preparava a eleggere il nuovo Presidente degli Stati Uniti, i futuri Ironman Azzurri speravano anch'essi in un'ufficiale consacrazione negli States. Una delle più leggendarie gare del Nord America quella di Panama City: per i 2245 atleti alla partenza si prospettava il nuoto nel Golfo del Messico - quest'anno reso più impegnativo dalle onde - su due giri e uscita australiana di congiunzione; percorso bike piatto e veloce con l'unica incognita di un insidioso vento pomeridiano; due giri di corsa senza dislivello, attraverso i quartieri locali e il St. Andrew's State Park, tra zone d'ombra e fauna selvatica. Nonostante il meteo abbia tradito le aspettative di un mite clima autunnale solitamente tipico degli stati del Sud Est, la delegazione italiana può ritenersi più che soddisfatta. Prestazione da Air Force One per Alfio Bulgarelli, che vola letteralmente e conquista il secondo posto di categoria M45-49 con un tempo di 09:54:34, chiudendo 43° assoluto, nonchè meritevole di slotper Kona2017. Secondo italiano è Guido Pasqualini M50-54, in 10:08:21, 3° di categoria, anch'egli con la slot tra le mani e un risultato poco oltre la top 50. Virtuale bronzo italiano per Roberto Monticelli (10:56:08). Prima donna Azzurra è Silvia Schiapparoli (11:14:59), seconda Teresa Lenzi (13:20:40). Podio per Jack Mcafee, statunitense che giocando in casa riesce a tagliare il traguardo in 8:48:15. Con l'argento di Tim Hola (08:48:57) è doppietta a stelle e strisce, ma il bronzo va al cileno Eduardo Della Maggiora (08:58:22). Sul podio rosa ci sono la belga Laure Mary Close Lux (09:47:49), la statunitense Erin Humsi (09:58:57) e la britannica Rachel Hall (10:02:17).

    RISULTATI

    Photo Credit

  • La strada verso il successo è tracciata: lo si misura nel dettaglio dei percorsi dell’IRONMAN Italy Emilia-Romagna, ora online.
    Otto mesi alla prima edizione dell’IRONMAN Italy Emilia-Romagna, già 1500 gli atleti iscritti, ora online anche i percorsi, resi noti nei dettagli da Björn Steinmetz IRONMAN EMEA Regional Operations Director Central Europe. Ore 7.30 per i PRO uomini, ore 7.45 per le donne, poi a seguire gli Age Group fino alle 8.20. L'emozionante start sulla spiaggia di Cervia, il 23 settembre 2017, con i primi 3,8 chilometri nelle miti acque dell'Adriatico. Prevista la formula rolling start, con gli atleti posizionati in griglia in base al proprio tempo nel nuoto, e dopo circa 2,5 chilometri di un percorso trapezoidale un'uscita australiana per poi rituffarsi a nuotare l'ultimo chilometro e 300 metri. Colori e profumi tra i vigneti del Sangiovese, la campagna romagnola a fare da scenario al percorso bike, che parte dalla zona cambio sul Lungomare Grazia Deledda: 180 chilometri per due giri, attraversando il Parco Naturale delle Saline di Cervia, per poi passare per Forlimpopoli, Meldola, Fratta Terme e Bertinoro. Superata quest'ultima collina, giù in discesa verso Cervia, per un dislivello complessivo del percorso di circa 700 metri. Ancora 42 chilometri, quelli della maratona, e saranno tutti pianeggianti, tra Cervia e Milano Marittima. Tre giri da 14 chilometri, con un tratto in ombra nella pineta, dopo il porto canale, verso Nord. Da un polmone verde al cuore di una delle prime "città-giardino", Milano Marittima, centro di spiccata propensione turistica. E poi Cervia, città già nota agli antichi romani, attraversando la piazza del Magazzino del Sale e le mura medievali, uno scorcio sul Palazzo Comunale, per tornare sul lungomare. Lì, ad aspettarvi, la vera gloria. Quella dell'IRONMAN più azzurro. Quella di una grande gara made in Italy.

    Photo credit

  • Sul nuovo numero, tanti sono gli atleti che ci hanno raccontato un po’ di loro, a cominciare da Casper Stornes, che è sulla nostra copertina di questo mese e che, già solo alla sua terza gara da Elite, ci ha stupito vincendo una tappa delle ITU World Triathlon Series, alle Bermuda, dove si è completato il podio con altri due suoi connazionali

  • Nella parte centrale della rivista troverete la maxiclassifica dei finisherdell’Ironman ufficiale, quello marchiato M col pallino rosso, una lista di nomi che, ogni anno, va sempre più allungandosi

  • Per molti triatleti, marzo coincide con l’inizio della stagione di gare; in questo periodo, dunque, è molto importante fare valutazioni tecniche e un check up dei materiali. Tanti i consigli utili che potete trovare all’interno dei nostri articoli e molte le pagine di curiosità, ispirate da voi e dai vostri dubbi. Questo mese, ecco i nomi di tutti gli italiani che hanno traguardato gare di triathlon targate Ironman full distance, con numeri sempre in crescita. A pag. 80 è di scena il tema solidarietà per i paesi terremotati, col progetto Jemo! e il suo ciclo-viaggio solidale. Da questo mese parte la preziosa collaborazione continuativa col campione Alberto Casadei: in ogni numero, il portacolori della Polizia ci darà consigli legati al mondo dei lunghi, cui appartiene con ottimi risultati!

    Scopri di più sul numero di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Con Trek ora c'è Ivan Risti.Grazie a Trek Italia e a Milano Cycling, divenuto recentemente Trek Concept Store, la nuova stagione dell'atleta della DDS di Settimo Milanese parte alla grande verso la conquista di ulteriori punti per la qualifica per Kona, dopo quelli del bronzo all'IRONMAN Vichy. L'avventura riprende il 2 aprile all'IRONMAN Sudafrica, tappa impegnativa vista la starting list di spessore, e perché campionato continentale. Risti volerà in sella a Speed Concept - aerodinamica e adattabile alla migliore posizione sulle medie e lunghe distanze IRONMAN - ma avrà in dotazione anche Madone - aerodinamica e reattiva per sprint e olimpici - entrambe top di gamma del marchio statunitense.  

    www.ivanristi.com
    Segui Ivan su Facebook, Twitter e Instagram

  • Quanto manca a Natale lo scandisce ogni giorno il calendario dell'avvento. Ma presto sarà anche tempo di riprendere la preparazione per la nuova race season e di cerchiare tutte le date importanti sull'agenda 2020. Quali i consigli del nostro tecnico Andrea Gabba per la migliore pianificazione del nuovo anno? 

  • Non solo attenta al mondo del triathlon, grazie alla sua sinergia con Ironman: Enervit annuncia due prestigiose partnership nel mondo del grande ciclismoe per i prossimi tre anni sarà insieme al Team Trek-Segafredo e a UAE Team Emirates