• Luca De Ponti consiglia di non fare mai autodiagnosi, di non correre sopra al dolore, di non seguire cure di moda, o consigli dell’amico.

    Di seguito le 10 cose da non fare nel caso di infortuni:

  • Dal 23 dicembre in edicola il numero 241 della nostra rivista, è in uscita Triathlete di Gennaio-Febbraio 2018!

  • L’infiammazione generale dell’organismo può ridurre la densità ossea con conseguenti infortuni. Che fare?
    Bisogna riportare il giusto equilibrio nel nostro organismo, cambiando il nostro stile di vita o le nostre cattive abitudini di una alimentazione molto "occidentalizzata". Il dottor Speciani, che ha recentemente trattato questo argomento sull'ultimo libro scritto con Lyda Bottino (Food sensitivity), ci spiega come.

    Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Si può ridurre il rischio di infortuni da stress attraverso l’alimentazione? La dottoressa Elena Casiraghi risponde in modo affermativo a questa domanda, spiegandoci il ruolo dei grassi e come ridurre l'infiammazione del nostro organismo proprio grazie agli acidi grassi Omega-3 a catena lunga.

    Scopri di più sul numero di giugno: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Un nostro lettore sottopone un quesito al quale risponde la dott.sa Bianca Lenci, Fisioterapista, che ci illustra i principi dell'osteotomia correttiva.

    "Salve, sono un praticante della triplice e saranno almeno 5-6 anni che quando corro (soprattutto dopo che mi fermo) ho dolori a entrambe le ginocchia. So di avere le gambe storte, le famose “gambe a O”, e ho sempre tamponato facendo infiltrazioni di acido ialuronico per la cartilagine infiammata. Ugualmente, però, il dolore è andato peggiorando nel tempo, fino a che qualche mese fa era troppo e sono andato da un ortopedico che, vista la mia risonanza magnetica, mi ha detto: «O smette di correre e continua solo con la bici e il nuoto, oppure deve fare un intervento, l’osteotomia correttiva, altrimenti il rischio è di dover ricorrere alle protesi di ginocchio tra qualche anno». Sa com’è, ho 56 anni e vorrei evitare. Lei cosa mi consiglia? Quali sono le conseguenze per questo tipo di intervento e i tempi di recupero? "
    Alessio da Carpi

  • No, non si diventa troppo grossi e lenti, così afferma Daniel Zaccariello parlando dell’allenamento indoor

  • Durante questo periodo della stagione si costruiscono le basi tecniche con la consapevolezza della race season ormai alle porte. Ecco per voi, quindi, il generoso blocco allenamento, con i nostri tecnici a dispensare consigli