• "Record dell'ora", Angelica Olmo spacca il secondo a Mooloolaba: con un tempo di 1:00:00 è di bronzo in Australia, al suo primo podio in World Cup

  • 2017 Malmö ETU Sprint Triathlon European Cup, Lisa Schanung si veste d'Argento in Coppa Europa a Malmö, in Svezia; Gianluca Pozzatti è , ai piedi del podio
    Un'ottima Lisa Schanung chiude in seconda posizione la prova di Coppa Europa di Triathlon a Malmö, in Svezia; bene anche Pozzatti, che si piazza ai piedi del podio, a soli due secondi dal bronzo. Oro per Francia e Belgio, con Justine Guérard e Marten Van Riel sugli allori. A pilotare la prova di nuoto femminile c'è la britannica Olivia Matthias, presto seguita dalla norvegese Lotte Miller, dalla danese Ditte Kristensen e dalla favorita, Michelle Flipo, con dietro un gruppetto ben agguerrito di atlete collaborative decise a rimontare. In T2 entrano compatte, con la Flipo davanti e pronta a strappare l'oro, se non fosse per la potente francese Justine Guérard, prima al traguardo in 01:01:12 e al primo podio internazione dopo 7 anni. L'atleta ITU Michelle Flipo deve accontentarsi del bronzo (01:01:34) perché l'argento va alla nostra Lisa Schanung (01:01:23), alla sua migliore performance di carriera. L'altra azzurra presente, Luisa Iogna-Prat, chiude in 11^ posizione con il tempo di 01:02:52.

    img 6632 medium

    L'oro maschile è andato al belga Marten Van Riel, alla prima vittoria internazionale, in 00:53:46. Argento per l'irlandese Constantine Doherty (00:53:55) e bronzo per il portoghese Pedro Palma (00:54:02). Ai piedi del podio Gianluca Pozzatti, 4° in 00:54:04. Gli altri italiani in top ten: Gregory Barnaby, 8°, (00:54:21) e Valerio Patanè, 9°, (00:54:23). 43° Gianluca Purzer (00:57:05).

    RISULTATI

    Photo Credit: Fitri e Jens Rydén

  • ETU Triathlon Gran Canaria: il rodaggio azzurro con Giorgia Priarone ai piedi del podio, Annamaria Mazzetti 8^ e Gianluca Pozzatti 10°.

    L'Italia scalda i motori a Gran Canaria e porta a casa una medaglia di legno e due top ten. Vicecampionessa Italiana di Duathlon e Campionessa Italiana a squadre, Giorgia Priarone arriva ai piedi del podio dell'ETU Triathlon Gran Canaria, a soli 10" dal bronzo. Partito ufficialmente il circuito di Coppa Europa di Triathlon con la gara di olimpico di Las Palmas, l'Italia, visto l'esordio, può ben sperare. Oltre al risultato di Giorgia Priarone, 4^ in 02:04:25, portiamo a casa le due top ten di Annamaria Mazzetti (02:05:47), 8^, e di Gianluca Pozzatti, 10° in 01:52:20, nonché migliore degli azzurri presenti. Vince la gara femminile la britannica Jessica Learmonth (02:01:29), argento per la compagna di squadra Lucy Hall (02:03:25), bronzo per la spagnola Carmen Gomez Cortes (02:04:15). Sul gradino più alto del primo podio maschile di Coppa Europa sale l'azero Rostislav Pevtsov (01:50:42), a seguire l'elvetico Adrien Briffod (01:50:59) e per concludere un altro bronzo iberico, quello di Uxio Abuin Ares (01:51:39). 

    RISULTATI

    Photo Credit

  • Grand Prix Italia: a Sapri vincono la giovane Beatrice Mallozzi e il russo Vladimir Turbaevskiy, sul gradino più alto di un podio tutto straniero. Gianluca Pozzatti, 4°, è il primo italiano a tagliare il traguardo.
    Trittico maschile straniero al Grand Prix di Sapri: un russo e due ungheresi a dominare la gara sprint di apertura del circuito di triathlon che proseguirà a Cesenatico e Palermo. Oro per il russo del T.D. Rimini: Vladimir Turbaevskiy è primo in 54:38, davanti all'ungherese del PPRTeam, Gabor Faldum, e a quello del 707, Tamas Toth. "Azzurro, invece, il podio rosa", con la giovane Beatrice Mallozzi oro in 1:01:54; dietro a lei Angelica Olmo e Sara Papais. La Spimi era uscita prima dall'acqua ma poi erano state Orla, Papais e Zane a salire in bici, subito raggiunte da Mallozzi, Olmo e Steinhauser; nel secondo gruppo, a 40 secondi, Priarone, Simic e Danilova. Quattro i giri sulle due ruote, ma senza cambiamenti sulla carta: collaborative e imprendibili, le donne in testa non lasciano scampo alle inseguitrici, che pur spronate dalla Priarone non riescono a riscrivere le sorti della frazione. Steinhauser, Mallozzi, Olmo e Papais lasciano T2 mettendo fine ai sogni di gloria delle combattive più indietro. Beatrice Mallozzi accelera al secondo di quattro giri, tanto da conquistare l'oro ben in anticipo sul traguardo (01:01:54). Dietro a lei Angelica Olmo (01:02:06) e Sara Papais (01:02:10). Sorpresa e felice per il risultato di una gara che dice di non aver preparato, la Mallozzi gioisce per la qualifica agli Europei giovanili: le sarebbe bastato un quinto posto, ma con un ottimo nuoto, una bici in consolidamento e tutto da giocarsi con la corsa, perché accontentarsi?
    Primo in zona cambio nella gara maschile è Nicolò Strada. Un lungo gruppo di testa al comando con i favoriti, a seguire Hofer, Boraschi e Buraccioni che tentano di ricucire. La T2 vede un cambiamento d'assetto con Faldum a comandare in corsa fino all'attacco del russo Vladimir Turbaevskiy, primo al traguardo (00:54:38) al suo esordio "tricolore" e pronto a bissare nei prossimi due appuntamenti del Grand Prix. A seguire l'ungherese Gabor Faldum (00:54:43) e il connazionale Tamas Toth (00:54:51), che stacca il compagno di squadra Gianluca Pozzatti, quarto nonché primo italiano in una giornata purtroppo funestata dal grave lutto sportivo per la perdita del ciclista Michele Scarponi.

    RISULTATI DONNE
    RISULTATI UOMINI

  • Primo podio ITU per Gianluca Pozzatti, che si veste d'Argento all'European Cup Wuustewezel, in Belgio. Top ten per Lisa Schanung, 9^
    2017 Wuustwezel ETU Sprint Triathlon European Cup, in Belgio: gara tutt'altro che scontata, come racconta Gianluca Pozzatti. Di ritorno dall'ETU Cup di Malmo con un 4° posto in rimonta a soli 2'' dal bronzo, dopo un periodo sportivamente difficile, Pozzatti aggiunge solidità alla performance stagionale e si migliora con il successo in Coppa Europa in Belgio grazie a una bellissima gara d'attacco con cui agguanta il secondo gradino del podio (00:53:59). Vincitore il beniamino di casa e sesto a Rio, Marten Van Riel (00:53:48). Terzo l'ungherese Márk Dévay (00:54:04), anche campione ETU U23 di Aquathlon. Pozzatti veste la sua prima medaglia in Coppa Europa grazie all'ottima prestazione in questa gara su distanza sprint ospitata dalla piccola cittadina belga di Wuustwezel, a nord di Anversa. Tra gli ultimi di quelli che a nuoto si sarebbero poi giocati le posizioni di vertice, Pozzatti deve cambiare in T1 in gran fretta e patire un po' i primi chilometri in bici per poi rientrare e perseverare nonostante il ritmo forsennato che ha fatto desistere più di qualcuno. A piedi è Van Riel a prendere subito il comando: in quattro alle sue spalle fino all'ultimo chilometro con Denteneer, Roberts e Dévay, quando Pozzatti lancia l'affondo decisivo senza più guardarsi dietro.

    20768070 10214541817807547 4941548100268793958 n

    Doppietta belga con una vittoria anche al femminile: primo oro europeo a Valerie Barthelemy(01:00:23), già in testa fuori dall'acqua con l'austriaca Therese Feursinger, tra le favorite assieme alla russa Elena Danilova - penalizzata dalla prestazione a nuoto - e l'ungherese Zsanett Bragmayer, poi argento in 01:00:24 e in chiusura di carriera U23 pronta il prossimo anno a passare alla categoria Elite. Bronzo per la spagnola Cecilia Santamaria Surroca (01:00:27). Top ten con un 9° posto per Lisa Schunaung, al traguardo in 01:01:46.

    RISULTATI

  • 2017 Rabat ATU Sprint Triathlon African Cup: la spedizione Azzurra a Rabat, in Marocco, si chiude con il bronzo di Verena Steinhauser. Di seguito tutti i piazzamenti degli italiani in gara.
    Nella gara di Coppa d'Africa su distanza sprint vinta dalla spagnola Sara Perez in 01:03:31, seguita dall'olandese Maya Kingma, argento in 01:03:55, la nostra Verena Steinhauser chiude il podio conquistando il terzo gradino con un tempo di 01:05:29. A seguire Giulia Sforza, quarta in 01:06:19, mentre Elisa Marcon è 10^ in 01:07:23. Oro maschile per l'azero Rostislav Pevtsov (00:57:28), secondo posto al fotofinish per il francese Maxime Hueber-Moosbrugger (00:57:29), in doppietta con il connazionale Felix Duchampt, bronzo in 00:57:30. Matthias Steinwandter è 5° in 00:57:43, seguito a stretto giro da Gianluca Pozzatti (00:57:46). Andrea Secchiero è 7° con un tempo di 00:57:56. Top ten per Dario Chitti, 10° in 00:58:05. Chiude la spedizione Valerio Patanè, 16° (00:58:30). 

    RISULTATI

  • Delian Stateff, vincendo a Cagliari la tappa italiana dell’Itu Triathlon World Cup, ha fatto bingo. Molto per suo merito, ma anche perché le vie del destino, a volte, fatalmente si incrociano

  • Triathlon Olimpico Internazionale di Milano: sono Daniel Fontana e Barbara Trazzi i vincitori dell'edizione 2018. Il Grand Prix va a Beatrice Mallozzi e Gianluca Pozzatti

  • World Cup New Plymouth, dominio dell'australiano Declan Wilson e della statunitense Kirsten Kasper. Un nuovo tassello per la stagione di Angelica Olmo, che chiude 7^. Prima top ten per Gregory Barnaby

  • Nuovamente in Europa la World Triathlon Series dopo i due appuntamenti canadesi e a Stoccolma Flora Duffy è da Premio Nobel: quinta vittoria per lei, che domina anche questa penultima (8^ di 9) tappa del circuito mondiale che a settembre porterà all'assegnazione dei titoli iridati nella gara di Rotterdam. Sul fronte maschile, Jonathan Brownlee torna a vincere e tra gli azzurri Alice Betto firma un'importante top ten (9^).
    2017 ITU World Triathlon Stockholm, prova su distanza olimpica: quinto sigillo stagionale per la campionessa del mondo in carica e leader della classifica generale WTS, che stacca senza riserva la seconda, la britannica Jessica Learmonth, al primo podio del massimo circuito mondiale. Il bronzo va all'australiana Ashleigh Gentle, che recupera con una splendida rimonta. Nel frattempo, Alice Betto - bronzo continentale a Kitzbuhel e terza anche in WTS a Leeds - dopo un periodo di allenamento in altura, in Svezia firma una solida top ten grazie a un ottimo nuoto (esce 5^ vicinissima alle migliori) e una grande frazione ciclistica nel gruppo inseguitore tentando sempre di rimanere agganciata alle posizioni utili per il podio. Si difende poi bene in corsa e strappa la top ten chiudendo in nona posizione (02:03:49) dopo la statunitense Kirsten Casper (02:03:29) e prima della kiwi Andrea Hewitt (02:04:05).

    170826 stockholm web msj 021

    Ilaria Zane, dopo il 20° posto della WTS di Amburgo, l'11° in World Cup a Madrid e il podio dell'Etu Cup di Altafulla, a Stoccolma dopo il nuoto entra in zona cambio 19^ a 50'' dalla testa, viene doppiata in sella e non conclude la sua prova. La gara femminile si era aperta con Jessica Learmonth e la britannica Lucy Hall a dettare il ritmo, con Flora Duffy in terza posizione; l'australiana Gentle e la neozelandese Hewitt iniziano a pedalare con 1'20” dalla britannica in testa, ma subito è la Duffy a ribaltare le carte con la solita grinta in bici: agganciate alla bermudiana resistono solo la statunitense Katie Zaferes e la Laermonth mentre la Betto, complice una buona prima frazione e una transizione filata liscia, si mantiene all'inseguimento con Hall, Taylor Spivey, la statunitense Kirsten Kasper e la belga Claire Michel. A un terzo della frazione bike il gruppo delle inseguitrici in cui rientra la Betto cresce di numero con 10 atlete al 15° chilometro e un ritardo di circa 1'30”. Modifiche davanti con la caduta della Zaferes, che in una curva secca a sinistra scivola ed è costretta ad abbandonare la gara lasciando al comando le sole Duffy e Learmonth, che a questo punto giungono insieme in T2 con 2'10” di gap su un drappello di 8 inseguitrici tra cui la Betto, mentre il gruppo con Hewitt e Gentle cambia con un ritardo di 2'50”. Come da pronostici la bermudiana Flora Duffy strappa in solitaria il 5° successo del 2017 (02:00:09), mentre la britannica Jessica Learmonth difende l'argento (02:01:30), e dietro è battaglia per il terzo piazzamento. La Betto cerca di non perdere il treno per il secondo podio in WTS, ma l'incalzare dell'australiana Ashleigh Gentle in gran recupero dal terzo gruppo - poi bronzo (02:01:42) - la costringe a cedere qualche secondo al chilometro; forsennato anche il ritmo della debuttante francese Leonie Periault, della giapponese Yuko Takahashi e della canadese Joanna Brown, poi quarta.

    170826 stockholm web msj 032

    Gara maschile dominata da Jonathan Brownlee, che firma il primo successo nella World Triathlon Series 2017; argento e bronzo assegnati in volata rispettivamente al norvegese Kristian Blummenfelt e al francese Pierre La Corre, mentre lo spagnolo Mario Mola, campione del mondo incarica e già vincitore di quattro prove nel 2017, chiude al 7° posto. Gianluca Pozzati, reduce da due buone prestazione in Etu Cup (2° a Wuustwezel e 4° a Malmoe), a Stoccolma si rende artefice di due ottime frazioni (nuoto e ciclismo) che lo hanno portato all'uscita del secondo cambio in 13^ posizione, ma si spegne in corsa e chiude 30°. Il nuoto aveva spaccato il fronte in tre gruppi: sette i fuggitivi - il britannico Jonathan Brownlee, lo slovacco Varga, il francese Coninx, l'australiano Royle, lo svizzero Salvisberg con i tedeschi Nieschlag e Schomburg - 13 gli inseguitori tra cui Gianluca Pozzatti (16° all'uscita dalla prima frazione) e un terzo gruppo con l'iridato in carica Mario Mola, in difficoltà in acqua. Al 10° chilometro della frazione bike qualcosa cambia: davanti rimangono in sei  dopo che Varga, il migliore a nuoto, si è staccato e mentre dietro si forma un gruppo di 25 atleti tra cui Mola, Blummenfelt e il sudafricano Schoeman assieme a Pozzatti, che tiene bene la posizione e scende dalla bici 13° con 57” di ritardo dalla testa. A piedi Jonathan Brownlee conquista il suo quinto podio di Stoccolma (01:49:10), il primo in WTS nel 2017. In lotta per Argento e Bronzo rimangono Mola, Kristian Blummenfelt e il neozelandese Sissons, autori di una grande rimonta, ma per gli altri metalli preziosi c'è spazio solo per il norvegese, secondo in 01:49:28, e per il francese Pierre La Corre (01:49:28). Gianluca Pozzatti stringe i denti dopo due frazioni nel cuore della gara e chiude al 30° posto (01:53:47), suo primo risultato utile in WTS. Lo spagnolo Mario Mola chiude 7° (01:49:48) dietro al britannico Thomas Bishop (01:49:39) e davanti all'australiano Aaron Royle (01:50:14).

    170826 stockholm web msj 054

    RISULTATI

    Photo Credit: ITU Media - Janos Schmidt

  • WTS Abu Dhabi, la trasferta azzurra della prima tappa di World Triathlon Series si conclude con un gran bel sesto posto nella Mixed Relay vinta dal team australiano