• Riportiamo l'elenco, pubblicato dal CONI in ottemperanza alle indicazioni del DPCM del 14 gennaio scorso, con le gare del calendario FITri riconosciute di "preminente interesse nazionale" e, dunque, le uniche autorizzate

  • Nuove prospettive: ecco il calendario garecon gli ultimi appuntamenti consentiti per il 2020 e le prove di interesse nazionaledel prossimo anno

  • Renato Bertrandi riconfermato Presidentedel Triathlon Europeo al 32° Congresso ETUtenutosi il 18 febbraio a Roma, nel Salone d'Onore del CONI.
    Alla presenza del "padrone di casa", il Presidente CONI Giovanni Malagò, del Presidente FITRI Luigi Bianchi, del Presidente ITU nonché Membro CIO (Comitato Olimpico Internazionale) Marisol Casado, del suo Vicepresidente Ria Damgren, del Senior Manager ITU allo Sviluppo Zita Csovelyak, del Direttore Sportivo Gergely Markus e del Segretario Generale Antonio Arimany, Renato Bertrandi è stato riconfermato alla guida del Triathlon Europeo dopo la sua ultima elezione, nel 2013. Un doveroso omaggio, in ricordo del passato, allo scomparso Emilio Di Toro, primo presidente italiano ETU, per poi procedere con lo sguardo verso il futuro: tra le nuove iniziative ITU, Marisol Casado ha ricordato la promozione per l'inserimento nei programmi dei Giochi Olimpici della prova a squadre di staffetta mista. Renato Bertrandi, fino al 2021 nuovamente a capo dell'Unione Europea Triathlon con il francese Denis Jaeger e l'irlandese Chris Kitchen come vicepresidenti, per il prossimo quadriennio non sarà l'unico italiano del direttivo ETU: rieletto anche il Segretario Generale FITRI Aldo Lucarini, nuovamente scelto come Presidente della Commissione Sviluppo. Del Comitato Esecutivo faranno parte il lussemburghese Eugene Kraus, la bielorussa Mariya Cherkovskaya-Tarasevich, l'austriaco Herwig Grabner, la russa Galina Shipovalova e l'olandese Martin Breedjik.

    Photo Credit 

  • Gianni Malagò, per mancata concorrenza, viene rieletto per un secondo mandato da presidente del Coni, portando in dote l’esclusione del Calcio dal governo dello sport italiano che, in fondo, non è poco. I quattro anni passati, però, si faranno ricordare per qualche onore* ma, soprattutto, per il sogno infranto di Roma Olimpica dovuto alla “ragion politica” e forse ai troppi approcci sbagliati. Di programmi futuri non si parla, almeno per ora, ma un obiettivo ambizioso, del tutto personale, c’è ed è quello di sostituire Franco Carraro al Cio, ormai alla fine del suo mandato. Ma non sarà cosa facile e da qui nasce l’idea di proporre Milano come prossima sede della sessione del Comitato Olimpico Internazionale che si dovrà tenere nel 2019.

    Il Triathlon intanto inizia tra pioggia e freddo la sua stagione e partono le grandi gare. C’è fame agonistica, c’è voglia di tornare a gareggiare e di sperimentare. Una sensazione confermata dai numeri di queste prime prove che segnalano, tra l’altro, molti nuovi adepti, una forte crescita del movimento femminile, diventato ormai un dato ricorrente, e la numerosa partecipazione dei giovanissimi alle gare a loro dedicate... il futuro è lì!

    *Medagliere Olimpico
    Sydney 2000 (13 oro/8 argento/13 bronzo) 34
    Atene 2004 (10 oro/11argento/11 bronzo) 32
    Pechino 2008 (8 oro/9 argento/10 bronzo) 27
    Londra 2012 (8 oro/9 argento/11 bronzo) 28
    Rio 2016 (8 oro/12 argento/8 bronzo) 28

    Scopri di più sul numero di giugno: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamentocartaceo e digitale.

  • Barbarella, al secolo Barbara Cardinali, e Aldo Lucarini, prima l’una dell’altro per questioni di cortesia, rispettivamente capo ufficio stampa e segretario generale della FiTri, lasciano dopo molti anni i loro incarichi

  • Per la rubrica "Vita di Società", a cura di Federica Varbella e ogni mese in edicola con un nuovo numero di Triathlete, oggi parliamo di ASD Poligolfo