• ETU Cup LievinAlessia Orla è sesta alla prima edizione interamente indoor di una tappa di Coppa Europa

  • L'Argent-ina di Alessia Orla: è seconda alla 2017 La Paz CAMTRI Triathlon American Cup, nell'ambito della 33^ edizione del Triathlon Internacional La Paz.
    Sapevate che il nome "Argentina" deriva dal latino "argentum" (argento), legato alla leggenda della Sierra del Plata, conosciuta tra i primi esploratori europei della regione? Si raccontava che le popolazione indigene avessero offerto doni in argento ai sopravvissuti di un naufragio, bastò questo a spingere gli europei a dirigersi anche lì. Come loro, la stessa Alessia Orla, unica atleta del Vecchio Mondo in gara, da una paio di settimane in Argentina alla ricerca di belle emozioni con il triathlon. Ed eccolo, arrivare l'argento: alla seconda gara della stagione chiude seconda, in 02:19:22, a un minuto dalla prima, Delfina Alvarez (02:18:19), e precedendo Maria Victoria Rivero (02:20:08) e le altre argentine. Con parziali di 00:18:38, 00:00:43, 01:13:31, 00:00:34, 00:45:56 la Orla chiude bene la 2017 La Paz CAMTRI Triathlon American Cup su distanza olimpica: due i giri a nuoto per 1.5 chilometri; 6 quelli in bici per 40 chilometri e 4 quelli di corsa per 10 chilometri. Vince la gara maschile Flavio Morandini ARG (01:55:21), seguono Santiago Beltran ARG (01:56:04) ed Eduardo Lass BRAS (01:59:12).

    RISULTATI

    Photo Credit: Delly Carr / ITU Media

     

  • L’intervista di copertina questo mese è più che meritatamente per Frederik Van Lierde, tempra d’acciaio e stoffa da campione con tanti successi nel suo palmarès sportivo

  • Alessandro Fabian firma con grinta il podio di Coppa del Mondo in Repubblica Ceca: è secondo a Karlovy Vary
    2017 Karlovy Vary ITU Triathlon World Cup: otto gli azzurri in gara nella tappa di World Cup di Triathlon su distanza olimpica per un test della sessione estiva di training in altura. Assieme ad Alessandro Fabian, rientrato a livello individuale nelle gare di circuito ITU - dopo la partecipazione in questa stagione nella rassegna iridata della Mixed Relay ad Amburgo - anche Massimo De Ponti con Matthias Steinwandter, Gregory Barnaby con Luca Facchinetti e Delian Stateff, recente medaglia di bronzo europea Mixed RelayU23; alla prova femminile hanno partecipato Giorgia Priarone, che ritorna in una gara di Coppa Mondo dopo l’ultimo 4° piazzamento a Tiszaujvaros, ed Alessia Orla.
    Dopo l'Argento ad Alanya del 2014, Alessandro Fabian torna sul podio in Coppa del Mondo e lo fa a Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, sulla distanza olimpica, alle spalle del solo norvegese Gustav Iden e subito davanti al neozelandese Tayler Reid. Dopo la chiusura del quadriennio olimpico, il successivo periodo di allenamenti è stato intenso e a Karlovy Fabian dà grandi dimostrazioni di forma con un nuoto controllato, ma veloce: la prova parte subito a ritmi serratissimi sotto l'impulso dello slovacco Richard Varga, ma Fabian si mantiente nelle posizione di testa. Folli i ritmi della frazione in sella, mentre la situazione si delinea con un gruppetto di cinque fuggitivi: Fabian, il tedesco Schomburg, lo slovacco Varga, il giapponese Furuya e il neozelandese Reid, che guadagnano preziosi secondi sugli inseguitori per tutti i 40 chilometri. Abbastanza provato all'arrivo in T2, ma ancora leggero sulle gambe, Alessandro ci crede ancora: sceglie le parti più dure e selettive del tracciato per sferrare il colpo decisivo, mentre dietro gli avversari cedono uno ad uno, tutti tranne il norvegese Gustav Iden, capace di rimontare dal secondo gruppo sino alla testa della corsa e al suo primo oro in World Cup (01:49:06). Alessandro Fabian, dopo oltre metà stagione lontano dai campi gara di World Series e World Cup, difende con tenacia il piazzamento e strappa l'Argento in 01:49:39; Bronzo per il neozelandese Tayler Reid (01:50:22). Ottimo risultato anche per Massimo De Ponti, nelle posizioni buone della gara per le prime due frazioni e poi risalito sino alla nona (01:51:00) grazie a una strepitosa frazione podistica (00:32:29, quarto tempo assoluto); peccato una penalità da 10''. Matthias Steinwandter, malgrado una frazione di nuoto penalizzante, risale fino alla 15^ posizione (01:51:36). Gregory Barnaby chiude al 19° posto (01:51:57), bene in sella ma senza riuscire ad agganciarsi al treno dei norvegesi per una svolta della propria prestazione. Luca Facchinetti, ancora alle prese con un fastidio al piede che ha disturbato la sua corsa, è 26° (01:52:52). Ritirato Delian Stateff per un problema respiratorio al diaframma, ma è pronto per rimettersi in pista alla volta della Grand Final di Rotterdam.

    170903 karlovy vary web msj 077

    In campo femminile, trionfo dell'australiana Gillian Backhouse (02:03:29), che precede la padrona di casa, la ceca Vendula Frintova (02:04:31), e la statunitense Summer Cook (02:04:56), recente vincitrice della World Cup in Yucatan. Alessia Orla, autrice di due solide frazioni a nuoto (quinta fuori dall'acqua) e sulle due ruote, ha pagato nella corsa, chiudendo in 14^ posizione (02:07:05). 15^ (02:07:39) invece Giorgia Priarone: uscita attardata dal nuoto, non è riuscita a compiere la consueta rimonta nel finale rimanendo tagliata fuori dalla gara.

    170903 karlovy vary web msj 042

    RISULTATI

    Photo Credit: ITU Media - Janos Schmidt

  • "E che sono 750 metri+20+5 chilometri? Allora, Signori, tutti a Pinerolo!" (Cit.): a firmare la sgambata piemontese del Triathlon Sprint Città di Pinerolo, oltre agli indimenticabili Filini e Fantozzi, anche i nostri Valerio Patanè e Alessia Orla. 
    4° Triathlon Sprint Città di Pinerolo, 1^ edizione Rank Gold: vittoria dell'avvincente gara maschile per Valerio Patanè (00:57:30) davanti a Stefano Rigoni, secondo in volata (00:57:31), e al cileno Ulloa Martin, terzo in 00:58:23. Prima donna è Alessia Orla (01:05:05), che tiena a bada la compagna di squadra Silvia Visaggi (01:05:46) e Francesca Ferlazzo, più staccata (01:06:15).
    Bel clima estivo e familiare per la manifestazione come ogni anno dedicata alla raccolta fondi per l'UGI, Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini. 350 gli atleti a darsi battaglia fin dalle prime bracciate nella piscina comunale. L'appuntamento, ora, è per il prossimo anno!

    RISULTATI

  • Eccoci nei mesi freddi, quelli durante i quali si costruisce lo stato di forma per le gare della nuova stagione agonistica che verrà