Training
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Introduzione e aspetti generali (Prima Parte)

preparazione in palestra, nel triathlon moderno, ha assunto notevole importanza.

Il triatleta, prima di allenare le qualità fisiologiche aerobiche e lattacide nelle tre discipline, deve costruire una buona resistenza muscolare, migliorare la flessibilità di muscoli e tendini e stabilizzare i muscoli del tronco e del core. Questo è importante ai fini del miglioramento prima della postura del corpo, poi delle prestazioni agonistiche, ed è indispensabile per ridurre al minimo la possibilità di incorrere in infortuni.

 

  • Ripartizione del lavoro 

La preparazione in palestra del triatleta si divide in due grandi mesocicli della durata di 8 settimane l’uno: il primo periodo di lavoro parte subito dopo la ripresa degli allenamenti, in dicembre, e termina a fine gennaio. In questo mesociclo, detto generale, si deve lavorare per migliorare la resistenza delle grandi catene muscolari (gruppo pettorali – gruppo dorsali – gruppo coscia e gamba), la flessibilità e la propriocettività generale del corpo. Inoltre, è fondamentale stabilizzare e rinforzare il tronco, quindi i muscoli addominali, lombari e glutei. Terminato il periodo generale, si passa al periodo speciale, da inizio febbraio a fine marzo, in coincidenza con le prime gare della stagione. Nel periodo speciale gli obiettivi sono: adattare la muscolatura a tollerare il lattato, incrementare la forza per poi “trasformarla” al nuoto, al ciclismo e alla corsa. In questa fase del lavoro è indispensabile mantenere buoni livelli di flessibilità muscolo-articolare e inserire lavori di decompressione e distensione della zona lombare per preparare la zona più critica del corpo al periodo competitivo.

  • Cosa serve?

Due sessioni settimanali da un’ora sono più che sufficienti per gestire il lavoro; gli attrezzi che servono sono una panca piana, due manubri regolabili, uno step dell’altezza di circa 50 cm, una lat machine o un rematore (in alternativa, si possono usare i manubri e la panca), un bilancere, una tavoletta propriocettiva con sfera di legno, due cuscini propriocettivi, una fascia elastica, una swiss ball grande, una sbarra al muro e un tappetino. Nella seconda parte spiegherò nel dettaglio un esempio di tabella per il periodo generale e il periodo speciale, adatta a un triathleta Age Group al suo secondo-terzo anno di attività.

(Tratto da Triathlete n. 214)