Medicina
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Con Luca De Ponti si affronta l’argomento visita medica: Quali informazioni dobbiamo dare al medico?

I nostri pregressi? Come ci siamo infortunati? Come ci alleniamo, mangiamo, qual è la nostra psicologia? Tutti elementi importanti per il medico e un corretto esame clinico, senza nulla togliere anche a quello strumentale, come la risonanza magnetica e similari. Per aiutare il dottore e non perdere tempo, dobbiamo arrivare alla visita preparati a fornire un quadro generale preciso e sintetico di noi e del nostro problema. È utile che ci rivolgiamo a professionisti con esperienza specifica nelle patologie di carattere sportivo e magari sentire più pareri. Si arriva così alla diagnosi e alle cure.
Bianca Lenci ci parla del dolore e di come viene soggettivamente percepito e interpretato dal nostro cervello. Ci sono i nocicettori, cioè dei recettori termici, pressori ecc... che hanno una soglia di attivazione alta e che si attivano per allertare il cervello su un potenziale danno al corpo. Concetto rivoluzionario: il dolore non nasce nel tessuto, ma dall’interpretazione che il cervello dà di un dato evento. In aiuto viene lo sport che ci fa produrre endorfine, le quali abbassano la soglia di attivazione del dolore. Ascoltare il dolore sì, è importante, ma altrettanto importante è mantenere un atteggiamento positivo quando si è costretti ad affrontarlo.

Scopri di più sul numero di settembre-ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.