fbpx

Medicina
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mangiar sano, variato e abbondante è una splendida regola per restare in salute ma, per perdere qualche chiletto di troppo accumulato durante l’estate, ci viene incontro l’irisina, molecola di segnale di recente scoperta. Per dimagrire allenandoci non basteranno i lavori lenti e prolungati, ci vorrà anche un po’ di intensità, che “collabora” perfettamente con l’irisina. 

 

Ma concentriamo l’attenzione sull’effetto più o meno dimagrante dell’attività sportiva:

MECCANISMI BIOLOGICI

Recentemente è stata scoperta una molecola segnale, chiamata irisina, che induce quattro effetti specifici nell’organismo umano:

  1. Stimola la trasformazione di grasso bianco (di scorta) in grasso bruno (il cui compito è quello di produrre calore);
  2. induce trascrizione nella cellula muscolare di particolari proteine dette UCP (uncoupling proteins) la cui azione è quella di “sprecare” ATP sotto forma di calore;
  3. aumenta la sensibilità del recettore dell’ormone tiroideo in molti tipi cellulari (con l’esito di indurre un maggior consumo energetico);
  4. migliora la sensibilità insulinica delle cellule, inducendo riduzione della massa grassa.

L’analisi di queste quattro importanti azioni ci dice che l’irisina (prodotta dal muscolo sotto sforzo, quindi tecnicamente una miochina) è un potente induttore di dimagrimento.
Ciò significa che se vogliamo dimagrire (ovvero perdere grasso superfluo) dovremo inserire, a fianco dei miei allenamenti lenti e prolungati anche dei ritmi sostenuti, magari una o due volte alla settimana.
Fartlek, progressivi, ripetute, cambi di ritmo, salite non servono solo a darvi maggior potenza muscolare o maggiore potenza aerobica servono anche a farvi dimagrire, togliendovi di dosso quei 2-3 kg (o forse 6- 7...) che da tempo vi portate dietro. Quindi per restare in salute sorella irisina, che ci aiuta nello scopo, vuole un po’ di intensità. Concedergliela può voler dire anche dimagrire divertendosi.

L'articolo completo lo trovate sul numero di settembre-ottobre, disponibile attraverso abbonamento digitale.