cefalee.it

Medicina
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Gentile dott.ssa Lenci,
è da qualche mese che andare in bicicletta mi scatena un mal di testa difficile da gestire. Quando arriva faccio fatica a concentrarmi e ci mette parecchie ore ad andare via. Per ora l’unico rimedio che conosco e che metto in pratica è sdraiarmi finché non sto meglio, ma mi chiedevo se ci sono altre soluzioni. E soprattutto, cosa c’entra la bici con questo tipo di disturbo? È un quesito che mi sono posta tante volte, con il solo risultato di peggiorare il mal di testa!
Grazie Elena – Firenze

 

 

Risponde Bianca Lenci, fisioterapista (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Cara Elena,
i motivi per cui si può soffrire di cefalea, più comunemente definita “mal di testa”, sono molti: ciclo mestruale (per il calo degli estrogeni durante le mestruazioni), tensione muscolare a livello del collo, pressione bassa, nausea e così via. Nel tuo caso sembra essere dovuto a una tensione dei muscoli cervicali per la postura assunta in bici. Infatti, il collo è forzato per ore a rimanere iper-esteso e questa posizione, tutt’altro che fisiologica, prolungata nel tempo può dare dolenzia. Il dolore di per sé, soprattutto quello cronico, può rendere il sistema nervoso che trasmette l’informazione del dolore più sensibile. In più crea vasodilatazione che, seppur piccola, il cervello crede pericolosa e alla quale, quindi, risponde provocando cefalea come segnale d’allarme. Da un punto di vista medico ci sono diversi farmaci che puoi assumere, tra cui i “triptani”, che inibiscono le strutture nervose che fanno percepire il dolore, ma per questo il mio consiglio è di consultare un medico esperto. Da un punto di vista fisioterapico, invece, ci sono diverse armi da utilizzare per combattere il mal di testa senza dover rinunciare alla bici. Di sicuro molto utile e semplice da fare è lo stretching dei muscoli non solo del collo ma anche delle spalle, quindi, per fare un esempio pratico: unisco le mani dietro la testa, spingo verso il basso come ad avvicinare il mento al petto e mantengo la posizione per 10 secondi; oppure avvicino l’orecchio destro alla spalla destra e con la mano destra cerco di ridurre la distanza tra le due parti; lo stesso dal lato opposto. Inoltre, muovere le articolazioni del collo è come dar loro ossigeno: porto il mento prima verso l’alto poi verso il basso per 5 volte, lo stesso numero di volte ruotando il collo verso destra e verso sinistra, e inclinando il collo a destra e a sinistra. A questi movimenti si può aggiungere delle circonduzioni, ovvero disegnando dei cerchi con il mento tenendo le spalle ferme. Se con questi pochi e semplici esercizi il dolore dovesse essere ancora presente, un massaggio per sciogliere la muscolatura può alleviare il dolore e permetterti di continuare l’attività sportiva.