Consigli
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Per molti è questo il periodo pre-agonistico, dopo i mesi invernali trascorsi ad allenarsi e prepararsi alla race season, ed eccoci schierati sulle linee di partenza di stagione

Questo è il momento perfetto per le ultime sfumature, per testare materiali nuovi (scarpe, mute, bici ecc.) e centrare la propria posizione in sella, il bike fitting perfetto, insomma. Ecco i nostri tecnici che ci forniscono validi strumenti didattici.
Il gruppo fa la forza? È un sì la risposta del coach Simone Diamantini, anche se il nostro è uno sport solitario: condividere gli obiettivi da raggiungere fa da moltiplicatore a energie, entusiasmo, carica. Fa bene all’atleta evoluto, all’amatore, oltre che al giovane che spesso vede nel gruppo la parte ludico-motivazionale per allenarsi.
Nuotare subito forti alla prima boa, che fa parte della partenza se questa è posizionata entro i primi 200 metri; diversamente, se la boa fosse più lontana, per convenzione si considera partenza i primi 100 metri della prima frazione. Che sia gara su distanza Sprint, Olimpica, 70.3 o Ironman, i primissimi metri nuotati influenzano in modo importante il resto della competizione. Parola di Luca Gozzi.
Per andare al massimo in discesa in bici, secondo Andrea Gabba, ci vogliono fiducia in se stessi e nel proprio mezzo, quindi anche questa va allenata, per poter attaccare proprio nel tratto dove sono in molti ad andare in crisi. Bene allenarsi in salite, ripetute, tecnica, fondo lento, abilità di gruppo, scatti, ma non dimentichiamo le discese, vere opportunità.
Per i triatleti, soprattutto per gli specialisti del 70.3 e dell’Ironman, per coloro, dunque, che stanno molte ore in gara, si pone la domanda: è giusto allenarsi a digiuno? Non sempre ci sono idee chiare su come debba essere affrontato questo argomento e quali possano essere i reali benefici o i pericoli da evitare. Affronta il tema Giorgio Rondelli.
Con Ilenia Lazzaro e la supervisione tecnica di Christian Leghissa si parla di triathlon cross, che ha il suo culmine nei mesi estivi ed è dunque molto importante arrivarci in ottima forma; molti proprio in questo mese, marzo, ricominciano con le gare, anche se c’è chi lo ha già fatto a febbraio durante il ciclocross.
E poi si parla di elettrostimolazione, di triatleta in palestra, per concludere con Alberto Duilio Schivardi e i suoi preziosi consigli per Age Group. In particolare, questo mese suggerisce di allenare la forza per avere una marcia in più.

Scopri di più sul numero di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.